Il vetro, lavorazione e riciclo

Il vetro è un materiale amorfo che si forma per progressiva solidificazione di un liquido viscoso, ottenuto dalla fusione di minerali cristallini.

Il vetro è composto da una miscela omogenea di ossidi in proporzioni variabili, distinti in formatori e modificatori del reticolo vetroso. I principali formatori, detti anche vetrificanti, sono la silice e l’anidride borica. I modificatori si distinguono in fondenti, principalmente ossidi di sodio e potassio, e stabilizzanti, ossidi alcalino-terrosi di calcio, magnesio, bario, ecc.
Gli ossidi di alcuni elementi come il piombo possono essere sia formatori che modificatori del reticolo.

Il vetro si ottiene per fusione in un forno ad alta temperatura di una miscela omogenea di minerali, mescolati in opportune proporzioni in peso, e di rottame di vetro.
Tutti i componenti la miscela sono in polvere e le dimensioni dei grani hanno una grande importanza per la riuscita della fusione. Se le polveri sono troppo fini vi sono problemi di dispersione del prodotto prima che abbia avuto il tempo per reagire. Se, invece, sono troppo grossolane, vi sono problemi di omogeneità della miscela, qualità importantissima.

Filosofia del riciclo:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...