Diritto allo studio

In questi giorni discutiamo in classe di diritto allo studio. Per cominciare la discusssione si parte dalla vicenda di Malala Yousafzai, la ragazza pakistana che lottando per il diritto allo studio delle donne ha messo in gioco la propria vita. Malala è la più giovane candidata al Premio Nobel per la pace. Si parla di Malala anche in un articolo precedente di questo blog: Adottate Malala Yousafzai!

Nella nostra discussione confrontiamo il nostro modo di percepire il diritto allo studio, molto diverso da quello di chi per questo diritto deve lottare.

Per i ragazzi lo studio è più un dovere, qualcosa che si fa il più delle volte di mala voglia. Più o meno tutti si lamentano della sveglia troppo mattutina, delle troppe ore a scuola e, soprattutto, dei compiti e dello studio a casa o durante le vacanze, percepiti come troppo invadenti. Gli studenti che hanno quantificato l’impegno hanno parlato di 1 o 2 ore in media al giorno durante il periodo scolastico.

La scuola viene sentita in positivo principalmente come luogo di incontro con i coetanei. C’è in secondo piano l’idea un po’ vaga di una sua utilità legata ad un futuro lavoro.

Qualcuno allarga gli orizzonti: essere istruiti significa avere degli strumenti in più di lettura del mondo intorno a noi, significa non lasciarsi ingannare, significa poter fare scelte più consapevoli e autonome, in conclusione vuol dire salvaguardare la propria libertà, altro diritto fondamentale dell’uomo.

129 thoughts on “Diritto allo studio

  1. Io credo che abbia ragione: oggi abbiamo parlato propio di questo argomento…
    Io non sapevo l esistenza di questa ragazza ma quando l ho saputo sono rimasto di stucco , credo che un geo sto cosi estremo (tanto da rischiare la vita) non lo abbia mai fatto nessuno… Io penso che sia un gesto da venerare , che a soli 16 anni lotti per i suoi diritti.
    Brava non ci sono altre parole perchè cosi tanta determinazione non l avevo mai vista.
    SPERO CHE VINCA IL PREMIO NOBEL per la PACE

    • secondo me il diritto allo studio è una cosa molto importante, anche se a no i non piace andare a scuola. malala ha combattuto per un diritto che noi neanche sapevamo di avere e ora che me ne rendo conto il diritto allo studio è importante per il nostro futuro,spero che questo fatto cambiera la mentalita dei giovani sulla scuola.MALALA CONTINUA A LOTTARE PER TE E PER IL TUO PAESE,GRAZIE per avrci fatto capir la FORTUNA che abbiamo.

    • La storia di Malala mi ha fatto capire che nel mondo ci sono diverse realtà dove diritti che per noi sono acquisiti e quasi non considerati come importanti , in altri paesi si combatte per ottenerli. Vediamo spesso la scuola solo come un obbligo e non un diritto che tutti i bambini dovrebbero avere. Solo con l’istruzione si possono abbattere le barriere presenti nella nostra società e tra i popoli . Faccio il tifo per lei. Matteo 2 C

  2. secondo me la scuola è un diritto di tutti ma anche un dovere; quando in classe ho sentito per la prima volta la storia di MALALA, sono rimasta scioccata che una ragazzina più o meno della mia età è nota per il suo attivismo nella lotta per i diritti civili e per il diritto allo studio delle donne della città di Mingora, in Pakistan, dove una legge dei talebani ne ha bandito il diritto. Quando ho saputo che il 9 ottobre era stata gravemente ferita alla testa e al collo, da due uomini armati, saliti a bordo del pullman scolastico, su cui lei tornava a casa da scuola, ho capito quanto rischiava la sua vita per il diritto allo studio delle donne pakistane. Malala mi ha fatto riflettere molto su quanto sia importante lo studio e che noi dobbiamo essere felici di vivere qui dove il diritto allo studio è obbligatori per tutti.

  3. Si oggi abbiamo parlato del diritto allo studio,e che noi ragazzi non vediamo quello che abbiamo cioe’ poter studiare.quando in altri paesi non sviluppati ,dei nostri coetanei non possono studiare perche’le famiglie non hanno abbastanza soldi,altri sono costretti a lavorare per aiutare la famiglia e altri ancora devono fare tantissimi chilometri a piedi per raggiungere la scuola. Forse nella societa’ in cui viviamo oggi non ci rendiamo conto che siamo dei privilegati

  4. Secondo me, il diritto dello studio e andare a scuola dovrebbe essere adottato in tutti i paesi, perchè avere una istruzione, serve nella vita, come trovare un lavoro.
    Quando ho sentito di malala, mi sono “commossa” che una ragazza più o meno della nostra etá, si batte per il diritto allo studio per le donne del pakistan.
    Ho saputo che malala è stata ferita sul pulman mentre andava a scuola e le hanno sparato sul collo e in testa, due uomini armati, dove lì è stata gravemente ferita.
    Questa storia mi ha fatto riflettere su quanto sia importante avere un istruzione, e secondo me, studiare dovrebbe essere un diritto allo studio

  5. oggi in classe abbiamo discusso di Malala,la ragazza pakistana candidata al premio nobel per la pace. Quello che lei ha fatto e continua a fare é un gesto davvero ammirevole. Io vedo lo studio più come un obbligo , un dovere e non come un diritto perché non mi piace molto studiare e alzarmi la mattina presto…ma in realtà non ho mai pensato a chi per studiare rischia la vita. Questo metodo di studio mi piace molte perché in questo modo memorizzo tutto molto meglio

  6. Noi siamo fortunati e non ce ne rendiamo conto, infatti a volte ci pesa studiare ma sentendo la storia di questa ragazza che vive in un paese dove il diritto allo studio non è per tutti, mi rendo conto che lo studio è importante per crescere e per trovare un lavoro, e che tutti dovrebbero poter studiare. Il gesto che Malala ha fatto mi ha colpito perché ha protestato per un diritto che qua in Italia noi abbiamo senza nessuna difficoltà.

  7. il diritto allo studio è una cosa molto importante. A me non piace studiare o fare i compiti ma so che serve ad un futuro migliore e quindi,soprattutto adesso in tempo di crisi,a trovare lavoro. Ci sono bambini che sono costretti a lavorare al posto di andare a scuola quindi dobbiamo ritenerci molto fortunati e sfruttare questa occasione. Sono anche molto felice di vivere in un paese che me lo permetta.Ritengo infatti un gesto nobile quello di una ragazza pakistana di nome Malala che è andata contro uomini potenti che non la lasciavano studiare ed imparare, per questo è stata candidata per il Premio Nobel per la Pace.

  8. Io spesso mi chiedo , ma a cosa serve studiare , oppure , uffa che barba devo proprio fare questi compiti?! Ma soltanto dopo quella conversazione che abbiamo fatto in classe mi sono resa conto che questa è un’opportunità grande , importante e che purtroppo non tutti hanno . Bisogna studiare per fare qualsiasi cosa : lavorare , viaggiare , persino per fare le cose più quotidiane come fare la spesa . Pensare a tutti quei bambini che mentre noi stiamo a scuola ( dove ci si annoia ma delle volte ci si diverte anche) mi ha fatto pensare che forse questa scuola non è così male !!!!

  9. secondo me i diritti umani sono una cosa molto importante perché tutelano la libertà degli uomini.
    Io mi ritengo fortunata a vivere in un paese in coi non ci sono guerre e a poter frequentare la scuola senza problemi perché ci sono dei bambini che non possono perché costretti a fare lavori pesanti anche se non vorrebbero.Noi giovani,affrontiamo la scuola come un dovere invece che un modo per imparare cose nuove e stare con altre persone.La scuola non è importante solo per il lavoro che faremo in futuro ma anche per capire le cose che ci circondano e cosi essere autonomi.

    5 Voti
    Rispondi ↓

  10. Tantissime volte andare a scuola ci pesa.Anche io a volte ritengo andare a scuola un obbligo ma dopo che ho sentito la storia di questa ragazza e dopo aver approfondito questo argomento in classe ha capito che l’istruzione è un diritto e che senza nn c’è futuro. L istruzione è importante per orientarci in questo mondo immenso e per comunicare con gente straniera, per fare dei conti o per leggere una comunicazione….Ci dobbiamo ritenere fortunatissimi ad avere la possibilità di possedere questo diritto senza dover combattere per ottenerlo!

  11. Noi siamo fortunati ma non ce ne accorgiamo. La scuola è un diritto e un dovere, a me non piace andare a scuola, fare i compiti a casa e studiare, ma sono importanti e per un futuro migliore. Io non sapevo l’esistenza di questa ragazza pakistana, quando ci ha raccontato questo fatto, abbiamo capito che la scuola è importante, a noi non piace andarci, però sappiamo che è importante per noi e per il nostro futuro.

  12. Il diritto allo studio è molto importante ma io non studio mai molto volentireiSo che studiare è molto importante e che da grande non avrò lavoro (è già difficile per chi studia trovare lavoro adesso figuriamoci fra 10 anni!) ma a volte mi chiedo:”Come fa Malala a lottare per studiare mentre io che sto studiando non ne posso più?!? Secondo me studiare ci farà diventare ancora più grandi di quello che siamo già; imparare è divertente ma, ripassare sempre le stesse cose a lungo andare diventa noioso.

    di

  13. A scuola abbiamo parlato del diritto allo studio e secondo me, questo diritto, essendo anche un dovere per noi, che andiamo a scuola ogni giorno, diventa un peso anche per via dei compiti , mentre per Malala che viveva in un paese in cui le ragazze che vanno a scuola vengono addirittura criminalizzate,noi possiamo ritenerci fortunati a poter imparare cose nuove che ci serviranno in un futuro senza che ci succeda nulla.Quindi impariamo ad apprezzare i nostri diritti
    anche se possono sembrarci un peso perché un giorno potrebbero servirci.

  14. Salve prof🙂 comunque non avevo mai sentito parlare di questa ragazza,Malala! È straordinario quello che è riuscita a fare,soprattutto essendo molto giovane! Se ci pensassimo seriamente capiremmo che tutti noi siamo fortunati ad andare a scuola e imparare tante cose nuove per poi usarle nella vita per cercare lavoro o altro. È stata davvero coraggiosa questa ragazza,alla fine ha lottato per quello che desiderava davvero,cioè semplicemente andare a scuola e imparare! Tutti dovrebbero lottare per queste cose serie! Questa generazione ormai “lotta” solo per avere un telefono bello e basta! Complimenti a Malala,prof!🙂

  15. la scuola e obbligatoria per crescere e siamo molto fortunati essere in un paese dove vogliono che andiamo a scuola non come MALALA lei voleva andare a scuola ma non lo permettevano però lei va lo stesso infatti per questo motivo le hanno sparato però e soppravissuta ora continua ad andare a scuola e per me e pesante però ci aiuta a maturare e crescere bene e bello però andare a scuola (qualche volta).comunque e IMPORTAMTE

  16. Secondo me il diritto allo studio, noi che abbiamo questo privilegio, siamo sempre a lamentarci di doverci svegliare presto, di studiare ecc.ecc.ecc. Io sono uno di quelli che si lamenta,lo ammetto, io vorrei stare tutto il giorno a casa stravaccato a non fare niente; ma se non ci fosse la scuola non ci sarebbe un futuro per nessuno perché la scuola ci forma per il futuro quindi dovremmo renderci conto del privilegio che abbiamo

    • Secondo me il diritto allo studio è una cosa giusta perché se non si studia non si avrá un futuro e l unico modo per avere un futuro è studiare anche se ci scegliamo presto per venire a scuola non importa é importante per il nostro futuro e sopratfutto per noi

  17. La settimana scorsa abbiamo parlato di questo argomento che secondo me è molto importante ma non c’è ne rendiamo conto, invece questa ragazza per i suoi diritti a rischiato perfino la vita e questa cosa mi ha colpito molto; perché noi ci lamentiamo sempre che ci dobbiamo sempre svegliare presto, studiare ecc.ecc… Io sono uno di queste persone e lo ammetto, ammetto che vorrei restare tutto il giorno a casa a non fare niente invece di andare a scuola, almeno questo prima che la nostra prof. Paola Carpignano non ci parlò di questa ragazza pakistana: Malala Yousafzai che rischiò la vita per i suoi diritti ho cambiato idea perché la scuola ci serve per formarci per il futuro perché se non ci fosse la scuola saremmo tutti in strada come dei barboni senza soldi cibo e nemmeno un tetto.

  18. Noi siamo molto fortunati ad avere questo diritto,non ce ne rendiamo conto,faticoso venire a scuola faticoso alzarsi la mattina presto,ma Malala è diversa,lei vuole il diritto per lo studio che noi tanto odiamo,lei vuole rischiare la sua male! A nessuno piaccia studiare ma noi nn ce ne preoccupiamo…abitiamo in un paese dove abbiamo questo diritto…ma dobbiamo pensare anche a i paesi dove i ragazzi/ragazze lavorano duramente….per regalarsi dei piccoli privilegi e nn é giusto. Ho capito sentendo la storia di Malala che lo studio serve per avere un futuro migliore.
    Studio=Futuro=Lavoro

  19. Secondo me il diritto allo studio é un diritto essenziale ed importantissimo. Noi che siamo fortunati e possiamo andare a scuola senza problemi spesso pensiamo che sia una perdita di tempo e talvolta anche di denaro ma se ci pensiamo bene senza studiare non potremmo vivere, specialmente in questa societá cosí truffaldina! Quindi quando ci lamentiamo con i genitori che non abbiamo voglia di andare a scuola rimbocchiamoci le maniche e pensiamo a quei bambini che invece supplicano i genitori di farli andare a scuola!

  20. la scorsa settimana abbiamo parlato dei diritti alla scuola e della ragazza che lottava per questo motivo.
    la scuola è importante per crescere ed è un diritto di tutti.
    MALALA lottava per questo e nonostante le difficoltà continuava a lottare.
    alcuni ragazzi dicono che la scuola è il posto peggiore ,ma per chi non ha mai avuto l’occasione di andarci è un desiderio .
    la scuola può essere noiosa a volte, ma comunque può essere anche un divertimento incontrando gli amici.
    la scuola aiuta le persone ad apprendere cose nuove e quindi va rispettata.

    LA SCUOLA E’ UN DIRITTO DI TUTTI
    anche di Malala

  21. La storia di Malala mi ha fatto pensare molto perché una ragazza cosi giovane abbia lottato per una cosa che noi crediamo banale, infatti quando lei ha chiesto cosè per noi la scuola tutti rispondevano è noiosa , è faticosa, bisogna studiare troppo…. e lei invece ogni giorno ha lottato per questo diritto , rischiando anche la vita, come quando due uomini armati sono saliti sull’autobus della scuola e l hanno ferita gravemente. Io credo che abbia fatto bene a ribellarsi perché LA SCUOLA È UN DIRITTO DI TUTTI.

  22. Al contrario di come dicono alcuni, secondo me la scuola serve,prima di tutto per avere un futuro dal punto di vista del lavoro,poi perchè serve per compiere scelte nella vita un po’ piu “autonome”; la scuola é quindi molto importante,ce l’ha dimostrato Malala,quasi sacrificando la propria vita per farcelo capire e per lottare sperando che in tutti i paesi del mondo i ragazzi possano studiare per avere un futuro migliore,non mi stupisco che sia candidata pr il premio Nobel per la pace…Spero proprio che lo vinca lei, brava Malala : )

  23. La scuola é un elemento fondamentale per crescere e per poi nel futuro trovare un lavoro. Infatti io credo che MALALA abbia fatto bene a lottare per avere questo diritto. Noi, invece che possiamo e dobbiamo andare a scuola, non ne siamo contenti, anzi non ci accorgiamo che dobbiamo essere felici e di ritenerci fortunati, perché nel nostro paese esiste(per fortuna) il diritto allo studio, ma, ad esempio, nel paese di MALALA, no. Anche se a volte, io stessa, mi annoio a fare i compiti o a studiare, grazie alla discussione in classe mi sono resa conto che invece dovrei sentirmi fortunata.

  24. secondo me nessuno dovrebbe fare differenze,e quindi tutti i ragazzi di etnie diverse hanno il diritto ad un’istruzione. Come dice l’articolo 26:ognuno ha diritto ad un ‘istruzione.l’istruzione dovrebbe essere gratuita.l’istruzione elementare dovrebbe essere obbligatoria….brava Malala!! Hai fatto veramente una cosa bellissima e che merita tantissimo rispetto!!!

  25. A scuola giorni fa abbiamo parlato del diritto allo studio.
    Siamo fortunati ad averlo,perchè ci garantisce un futuro ,ma noi non ce ne rendiamo conto;
    trovimo la scuola noiosa e faticosa : per andarci dobbiamo alzarci presto e dobbiamo fare i compiti. Ma c’è qualcuno che vorrebbe questo diritto : Malala,una ragazza che ha lottato per il diritto allo studio. Un giorno alcuni uomini le hanno sparato in testa ,ma nonostante tutto ha continuato a lottare e adesso le è stato ricevuto il Premio Nobel per la pace.
    Con questo, ho capito quanto è importante il diritto allo studio per noi e, inoltre, per le persone che non possono permetterselo.
    SALUTI

  26. 5 mattine a settimana mi alzo per andare a scuola.Dò per scontato che mi sia dovuto e non capisco di far parte,invece,dei privilegiati che possono andarci. Non per tutti è un diritto ma io lo vedo solo come un dovere,un posto dove passare del tempo a volte piacevole, a volte noioso. Non capisco che da quanto buone saranno le mie basi dipenderà il mio futuro e che i miei piccoli fallimenti a volte fanno star male anche chi a me ci tiene davvero. Forse si dovrebbe veder l’erba del vicino,ogni tanto,per capire la fortuna che abbiamo avuto.Spero solo di non capirlo troppo tardi.
    Grazie Malala per avermi fatto capire,col tuo gesto,quanto sono fortunata!

  27. io penso che tutti devono avere il diritto di studio sia maschi che femmine, anche io sono pakistana e penso che Malala ha fatto una bella cosa! Alcuni ragazzi o ragazze non hanno mai voglia di andare a scuola, non alzarsi presto alla mattina e andare a scuola perchè non lo sanno quanto è importante il diritto allo studio e quante person vogliono studiare ma non possono. Lo studio è molto importante nella vita, perchè serve per il futuro. Spero che Malala fa accorgere quanto è importante lo studio a tutti quelli che non hanno mai voglia di studiare.

  28. Sono rimasto stupito quando abbiamo parlato di malala e della sua storia e devo dire che studiare bisogna essere obligatorio per tutti i ragazzi/e anche per quelli che non riescono ad andarci per problemi di famiglia ci sono ragazzi a cui piace studiare e quindi non hanno problemi e altri a cui non piace ma bisogna capire che studiare serve per poter imparare cose che serviranno nella vita e ti saranno molto utili le conoscenze che avrai appreso a scuola viceversa se non si studiasse saremmo tutti ignoranti e non sapremmo le cose che ci serviranno nel futuro e faticherai ad andare avanti senza sapere le cose . Quindi bisogna capire che studiare bisogna farlo anche a chi non piace anche se sarà difficile .

  29. Il diritto allo studio é molto importante perché così impariamo non solo a fare calcoli,parlare una lingua o disegnare ,ma anche l’educazione e l’importanza dei diritti umani.
    Il diritto allo studio però é anche un’opportunità per conoscere persone e diventare più colti.
    MALALA é riuscita a far valere le sue idee combattendo in modo diplomatico.

  30. Ogni giorno ci alziamo con la faccia triste perché dobbiamo andare a scuola, noi alunni non andremmo mai a scuola nei giorni che finiscono per “ì”. Ma credo che noi tutti dobbiamo essere felici di imparare qualcosa di nuovo e di andare a scuola. Non ero a conoscenza di questo fatto che è capitato a Malala, ma poi ne abbiamo parlato a scuola e ne sono rimasta colpita. Perché nessuno può impedire alle persone di andare a scuola, tutti abbiamo la libertà di scegliere se vogliamo andarci e studiare oppure se non vogliamo. Ognuno deve capire che studiare, anche se non è molto bello, deve essere fatto con felicità, perché noi siamo solo fortunati a poter a scuola e a imparare cose nuove🙂

  31. Ciao sono TIZIANO.
    secondo me il diritto allo studio e una cosa importante, anche se molti piu che un diritto, o privilegio, lo vedono come un dovere da fare tutti i giorni, e anche io un po lo ritenevo un dovere, pur sapendo che la scuola e una cosa importante, perche se non ci fosse stata la scuola molto probabilmente non saremmo dove siamo noi qui ora, ma la storia di malala mi ha fatto aprire gli occhi.
    Ma ritornando a Malala, secondo me e stata molto coraggiosa, non so se nei suoi stessi panni io avrei fatto la stessa cosa, e inoltre non dimentichiamo che e stata anche sparata, e ora e viva per un soffio, il nobel e piu che meritato, e secondo me, penso che nn sono l unico che lo dice, e sono anche convinto che non solo a me a fatto aprire gli occhi!

  32. 3C SERENA.
    Giorni fa in classe abbiamo parlato di MALALA YOUSAFZAI una ragazza pakistana di 16 anni.
    Nel suo paese purtroppo le è stato proibito di andare a scuola,allora lei ha fatto di tutto per difendere il suo diritto.
    Noi dobbiamo ritenerci molto fortunati anche se qualche volta non abbiamo voglia di andarci o di alzarci così presto la mattina, dovremmo pensare alla scuola più come un diritto che a un dovere.
    Ma sopratutto quando la prof ha raccontato che MALALA è stata ferita da un’arma da fuoco di un signore salito sullo scuola bus ho capito che voleva davvero difendere il suo diritto anzi il diritto allo studio di tutte le donne pakistane.
    Credo che tutti noi dobbiamo prendere MALALA come un esempio da seguire.

  33. A scuola abbiamo parlato della ragazza pakistana che voleva il diritto allo studio per tutti i ragazzi e ragazze, lei è stata anche ferita su un pullman da dei talebani che vietavano di andare a scuola. Ciò vuol dire che noi ragazzi che possiamo andare
    liberamente(obbligatoriamente)a scuola dobbiamo essere felici della fortuna che abbiamo, perché ci sono molti stati che anche se si può andare a scuola non tutti possono arrivarci: perché è troppo lontana, perché si può essere ammazzati durante il percorso……..
    Perciò dobbiamo essere fieri dei diritti che noi abbiamo. Mi sono molto stupito che malala, una ragazza più o meno della nostra età, abbia fatto un’azione così grande, giudicandosi il diritto alla pace. Io penso che la scuola serve molto per crescere e imparare e fare nuove conoscenze. Dobbiamo essere solo felici!

  34. 2D Aurora. Il diritto allo studio è una cosa molto importante e deve essere concesso a tutti, uomini e donne di qualsiasi etnia e religione. Spesso noi studenti vediamo lo studio e i compiti come un’imposizione come si togliessero spazio a noi stessi…….. Dovremmo invece vivere lo studio come la possibilità di crescere e di imparare cose nuove diventare degli adulti responsabili e consapevoli delle proprie azioni.

  35. La settimana scorsa abbiamo parlato di una ragazza Pakistana di nome MALALA e del suo desiderio di andare a scuola.
    Lei questo desiderio non l’ha mai potuto realizzare per colpa della legge che c’è nel suo paese, in base alla quale le ragazze non possono istruirsi.
    Al giorno d’oggi non a tutti i bambini piace andare a scuola, ma io credo che sia ingiusto che alcuni non abbiano neanche il diritto di frequentarla. Penso che il diritto allo studio sia importante, perché in futuro ci servirà per trovare e svolgere un buon lavoro.
    Il discorso che abbiamo fatto in classe mi è servito per pensare alla scuola sotto diversi punti di vista quali l’istruzione e lo stare insieme. Grazie ad essa ho conosciuto nuovi compagni che ora sono miei amici.
    Ritengo che sia giusto che MALALA vada a scuola, per istruirsi e per conoscere nuovi persone con cui studiare e giocare, come faccio io ogni giorno.
    Il DIRITTO allo studio dovrebbe essere garantito in ogni stato perché è molto importante per il futuro dei bambini.

  36. Secondo me la maggior parte dei ragazzi vede la scuola come un obbligo a cui adempire, non rendendosi conto della fortuna che ha; come abbiamo detto in classe solo chi ha poco può capire il valore di certe cose, è proprio il caso di MALALA la ragazza pakistana di cui abbiamo parlato in classe. Ad alcuni, come me, pesa il fatto di alzarsi presto le mattine, oppure di stare 5 ore chiusi in una stanza per 5 giorni alla settimana. Comunque tornando a malala apprezzo il suo gesto e mi stupisco di come una ragazza più o meni della mia stessa età sia stata capace di questo!!!!!

    • Secondo me tutti hanno il diritto allo studio perché siamo tutti uguali,sia maschi,sia femmine.
      Malala,che è questa ragazza pakistana ha scritto questa storia e le hanno sparato perché le ragazze non devono studiare:secondo me è una cosa insensata perché anche le ragazze devono studiare non solo i ragazzi;lei voleva proteggere il suo diritto allo studio che tutte le donne pakistane hanno il diritto di andare a scuola…Qui,invece (in ITALIA ),nessuno ha voglia di andare a scuola,però ci dobbiamo ritenere fortunati che siamo nati qua e che abbiamo soprattutto la scuola!!

  37. é una storia pazzesca quella di Malala perchè pensare che una ragazza abbia rischiato la sua vita solo per poter andare a scuola per noi è praticamente inimmaginabile poi il premio nobel se lo merita proprio.
    Il paese di Malala infatti è poco sviluppato anche perchè non sono solo poveri di soldi ma anche poveri di istruzione visto che le donne sono subordinate all’uomo e che per questo gli viene tolto il diritto allo studio
    Noi in confronto a lei non riusciamo a comprendere il dono che ci danno, cioè la scuola, infatti noi facciamo di tutto per non andarci invece lei fa tutto il contrario.
    Davvero coraggiosa questa ragazza e grazie a lei forse anche le donne riusciranno a studiare
    prima o poi

  38. Abbiamo parlato di questo argomento. Secondo me il diritto allo studio è molto importante,perché la scuola forma il nostro futuro e dobbiamo renderci conto e non lamentarci di questo privilegio.Mentre noi siamo sempre insoddisfatti, Malala ha rischiato la vita per questo e la cosa mi ha colpito molto.

  39. Con la Prof. Carpignano abbiamo parlato del Diritto allo studio. Malala, una delle candidate al Nobel per la Pace, ragazzina di 16 anni, Pakistana, è stata quasi uccisa dai Talebani perché voleva che il diritto allo studio fosse esteso anche alle bambine. Secondo me, avrebbe dovuto vincere il Nobel per la Pace perché essere quasi uccisa dai Talebani e aver combattuto per l’istruzione è un gesto molto coraggioso. Noi riteniamo che l’istruzione sia un peso, per Malala invece è stata una battaglia da combattere, una dura lotta per la libertà di studiare e di sicuro l’avrebbe vinta se non fosse stato per il regime dittatoriale del Pakistan.

  40. abbiamo parlato in classe di malala, la ragazza pakistana, che rivendica il diritto allo studio per le ragazze e i ragazzi ; si è battuta per questa rischiando persino la sua vita. certo noi ragazzi che viviamo in questa parte del mondo dove siamo abituati ad andare a scuola non vorremmo altro che restare a casa a dormire invece di andare a scuola, si capisce che a volte può diventare pesante come quando dobbiamo studiare molto o quando i professori spiegano argomenti difficili, tutto ci sembra inutile. malala e il suo coraggio ci fa capire però che studiare è importante non solo perché ci aiuta ad accrescere la nostra conoscenza, di certo personalmente non vorrei mai rimanere ignorante, ma anche perché bisogna sempre essere pronti a difendere le proprie idee senza mai arrendersi!

  41. In classe abbiamo parlato di Malala, la ragazza pakistana che è stata sparata perché faceva delle interviste di nascosto e lottava per il diritto allo studio. Per fare un gesto come il suo ci vuole molto coraggio perché è un gesto molto bello fatto per una cosa che molti dei ragazzi della mai etá non credo che farebbero mai visto che quasi tutti quelli che la scuola c’è l’hanno ,compreso io, vorrebbero meno ore,meno compiti, meno studio,ecc.. Il diritto allo studio dovrebbe essere garantito in tutti i paesi perché senza la scuola non si può arrivare da nessuna parte nella vita… Malala ha fatto un grande gesto che deve essere ricordato da tutti è premiato giustamente con il premio nobel per la pace.
    Il diritto allo studio é una cosa molto importante che purtroppo non c’é in tutti i paesi perché senza la scuola la gente e più ignorante e quindi è più facile da gestire ed è più facile togliere loro tutti i diritti. Malala ha fatto una cosa che in molti dovrebbero fare… Protestare per avere diritti, roba che chiede molto coraggio.

  42. Abbiamo parlato di qesto argomento qualche settimana fa e anche secondo me il diritto di studio è per tutti perché tutti possono avere un sogno che per realizzarlo molte volte è necessario andare a scuola.
    La scuola è anche necessaria per mandare avanti un paese per farlo evolvere e soprattutto per non farsi inggannare dalle persone che lo comandano.
    Qello che ha fatto malala secondo me è sicuramente da premiare anche perché ha rischiato la sua vita,cosa che noi non avremmo mai fatto per andare a scuola,questo fa capire che anche in paesi dove si stanno affrontando periodi difficili c’è qualcuno che vuole andare avanti e che ha voglia di vivere la sua vita di adolescente e sognare un futuro migliore.

  43. In classe abbiamo discusso sul diritto e l’ obbligo della scuola. Per noi ragazzi lo studio è come il lavoro degli adulti :come gli adulti devono lavorare per vivere, noi ragazzi dobbiamo andare a scuola per avere l’ istruzione necessaria per lavorare in un futuro. Sono rimasta molto colpita dalla storia di Malala, una giovane ragazza che è stata ferita al collo sull’ autobus scolastico mentre tornava a casa. E’ la storia di una ragazza che lotta per l’istruzione pur sapendo di rischiare la propria vita, infatti è risaputo che potrebbero succederle altri incidenti provocati da chi è contro l’ istruzione delle donne. Tutti dovremmo riflettere sull’ opportunità che ci è stata data e non continuare a lamentarci di tutto ciò che ci viene offerto perché l’ istruzione è importante per il nostro futuro e per le prossime generazioni.

  44. Andare a scuola e faticoso perché ti devi alzare presto al mattino capitá anche che ti addormenti sul banco le prime e le ultime ore, però andare a scuola oltre a essere obbligatorio anche perché se non si studia e non si ha un diploma non si trova lavoro

    Studio=Futuro=Lavoro

  45. È stato un argomento molto intetessante sopratutto quello di questa ragazza che a soli 16 anni ha rischiato la vita per i diritti di tutti è davvero una ragazza da ammirare! Mi ha fatto riflettere a lungo e penso che me ne ricorderò in futoro che ci sono ragazzi/e meno fortunati/e di me che ogni secondo che passa come questa ragazza sono pronti a lottare per imparare e comprendere anche a costo della vita per almeno far comprendere gli altri! Spero che questa ragazza almeno adesso abbia u a vita serena dove può sentirsi libera di fare quello che vuole ma soprattutto di studiare

  46. La scorsa volta abbiamo parlato di Malala questa ragazza pakistana di 16 anni che lotta per il diritto allo studio…se pensiamo a noi che non abbiamo voglia di studiare, di andare a scuola ci viene da dire che è stupida/o una ragazza/o che vuole studiare…noi diciamo che non serve a niente lo studio,bhè ci sbagliamo di grosso, lo studio serve per avere un futuro, che poi sta a noi deciderlo.
    Io penso che Malala abbia avuto molto coraggio a combattere per i suoi diritti ed ha dimostrato che bisogna lottare per quello che si vuole ottenere.

  47. Secondo me il diritto alla scuola e allo studio deve essere in tutti i paese. Anche se sono di un colore di pelle divero uno dal l’altro , se sono maschi o femmine tutti hanno il diritto di andare a scuoa e studiare.🙂

  48. Questo articolo mi è stato molto utile per capire che lo studio è una cosa importante anche se delle volte noiso. inoltre ci fa capire che siamo molto fortunati ad andare a scuola ed a avere l’opportunità di imparare qualcosa che poi ci servira nella nostra vita e nel nostro lavoro, ma delle volte anche se noi ragazzi abbiamo dei diritti delle volte come nei casi dei bambini dell’africa vengo tralasciati e così non hanno l’opportunità di andare a scuola e spero che in futuro si possano prendere dei provvedimenti.

  49. Mi ritengo un ragazzo fortunato perchè vivo in un paese dove l’istruzione oltre a essere un dovere è anche un diritto. Spesso io e i miei amici ce ne dimentichiamo e non apprezziamo l’enorme opportunità che ci viene offerta per vivere in un futuro da protagonisti attivi all’interno della società. La scuola ci aiuta a diventare autonomi nella vita e a individuare il lavoro giusto per noi. Dopo aver discusso in classe circa l’esperienza di MALALA, e di quello che ha dovuto subire e combattere per il diritto allo studio, mi sono reso conto che non è proprio così sempre tutto scontato e che spesso le lamentele e le critiche nei confronti della scuola sono del tutto gratuite e ingrate.

  50. Scuola. quando sentiamo questa parola spesso ci viene da dire “che noia, non voglio andarci, è brutto alzarsi presto e fare i compiti”. Io dico MAI pensare cose del genere. Prima di dire qualsiasi cosa di negativo sullo studio bisogna pensare a Malala, una coraggiosissima sedicenne che ha lottato per il diritto allo studio mettendo a rischio non solo la sua vita, ma anche quella dei suoi familiari: nel suo paese se una donna esce senza il burqa, o va a scuola senza il consenso dei talebani può essere uccisa, e con lei tutta la sua famiglia. Malala quando ha deciso di alzare la voce sapeva tutto questo, ma se ne è letteralmente fregata. Malala è un’eroina, ha rischiato di morire e probabilmente tornerà nel suo paese, e continuerà a parlare di quanto sia importante per lei e per tutte le donne del suo paese (e non solo) studiare e poter avere una vita normale. Noi ragazzi vediamo la scuola come un noiosissimo obbligo, ma in realtà è molto più importante di quanto si possa credere, e anche se certe materie possono sembrare inutili o stupide bisogna studiare e non scoraggiarsi. Un domani tutti noi andremo a lavorare, e se il nostro percorso scolastico sarà buono avremo più possibilità di trovare un posto dove lavorare.
    Tornando a Malala spero tantissimo che riesca a vincere il premio nobel per la pace, se lo merita. Io quasi non riesco a credere che una ragazza poco più grande di me abbia fatto tutto questo; è quasi incredibile, spero anche che il suo gesto venga messo nei prossimi libri di storia, perché è stata esemplare bravissima, e lo dico io non ce la farei mai!
    MALALA, CONTINUA COSI’, SIAMO TUTTI CON TE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  51. Tutti quanti prendono la scuola come una fatica inutile di 10 e più anni… invece in altri paesi c’è chi vuole a tutti i costi andare a scuola e imparare, ma purtroppo non possono perchè non c’è il diritto allo studio nel loro paese…

  52. Penso che tutti noi studenti sottovalutiamo la nostra fortuna…..come quella di andare a scuola,ma non solo.Alcune volte rifletto su come sarebbe stata la mia vita se fossi nata in un paese povero e non fossi potuta andare a scuola:
    -non avrei potuto sapere tutte le cose che so oggi
    -conoscere persone nuove
    -confrontarmi con gli insegnanti
    e, pensandoci bene penso che mi sarebbe piaciuto tanto frequentarne una.
    Tutti gli studenti dovrebbero impegnarsi e pensare ai poveri ragazzi che per frequentare una scuola farebbero di tutto e, come nel caso di Malala rischierebbero la vita…..
    TUTTI HANNO DIRITTO ALLO STUDIO ANCHE SE APPARTENENTI A DIVERSE ETNIE ……
    Ps:auguro buona fortuna a Malala che ha dedicato molto impegno per salvaguardare i diritti dei ragazzi e permettere loro un’istruzione.

  53. Quando in classe abbiamo discusso sul diritto allo studio non avevo mai sentito parlare di Malala Yousazfai.
    Quello che ha fatto Malala è da ammirare perché ogni giorno (tranne il sabato e la domenica) quando mi alzo per andare a scuola non sono entusiasta di andare a scuola abzi vorrei stare a casa a fare tutt’altro
    Invece questa ragazza ha lottato per il diritto allo studio e ha rischiato anche la vita e spero che vinca il premio Nobel per la pace
    CONGRATULAZIONI MALALA

  54. Parlando in classe di MAlala, mi ha fatto riflettere il fatto di quanti ragazzi vorrebbero avere un istruzione scolastica , ma per vari motivi ( guerre , denaro e sfruttamento minorile) non sempre è possibile . Noi occidentali consideriamo molte vlolte la scuola come un peso… Sentendo però le storie di ragazzi come Malala mi fa capire quanto in realtà sono fortunato. Io credo che l’istruzione debba essere un diritto di ogni essere umano, in qualsiasi parte del mondo esso abiti ! É molto triste vedere come una ragazzina debba lottare e rischiare anche la vita perchè desidera andare a scuola. Spero proprio che la sua storia possa far capire al mondo intero che certe cose devono cambiare. Vorrei tanto che un giorno il diritto allo studio sia possibile per ogni bambino.

  55. Per me e per tanti ragazzi come me, studiare è un diritto e un dovere. Dall’ età più piccola sento sempre dire: “Devi studiare, devi farlo perché lo studio ti apre tutte le strade e ti spiana la strada per un futuro migliore!” ma non sempre queste ragioni vengono ascoltate. Anzi le ascoltiamo con tanto fastidio perché andare a scuola significa alzarsi presto la mattina quando si potrebbe dormire, confrontarsi con i professori se i compiti a casa sono svolti in modo corretto, se alle interrogazioni sai rispondere e se sei fortunato prendere un bel voto. Tutto questo per dire che siamo fortunati senza neanche saperlo perché c’è chi questo diritto allo studio deve faticare ad averlo anche a costo della propria vita. Come quella ragaza pakistana Malala che nonostante i rischi che corre a combattere per il diritto allo studio per le donne.

  56. L’altro giorno, a scuola, ci siamo riuniti in cerchio e abbiamo iniziato a parlare del diritto allo studio, un privilegio del nostro paese che non tutti apprezzano ma che si rivelerà importante nella vita e che non tutti, purtroppo, hanno.
    Ognuno di noi sapeva qualcosa in più; ci ha colpito(a me molto profondamente) la storia della piccola ragazza pakistana che si è battuta per il diritto allo studio nel suo paese, rischiando la vita.
    Questa cosa mi ha fatto riflettere: perché noi che abbiamo questa possibilità, non la sfruttiamo e invece chi, come Malala che non c’è l’ha, si batte con la vita?
    Forse perché siamo troppo viziati e chi ha la possibilità (come noi), pensa che sia più divertente passare il pomeriggio a giocare a pallone, anziché studiare per se stessi e la propria intelligenza; mentre chi come Malala, che può sempre giocare anziché essere OBBLIGATO a studiare, lotta per un diritto che ogni stato, ogni paese, ogni comune e tutto il mondo dovrebbe avere.
    Spero che la lotta continui fino a che tutto al mondo avrà il DIRITTO di andare a scuola, sia per i ragazzi che per le ragazze, senza distinzioni.

  57. Per noi ragazzi la scuola quasi sempre rappresenta una ” noiosa abitudine ” . Fin da piccoli abbiamo questo impegno 5 giorni su 7 e tante volte imparare cose nuove è un peso.
    A scuola abbiamo commentato la storia di MALALA, una ragazza pakistana che ha lottato per il diritto allo studio vietato alle donne nel suo paese. Abbiamo quindi capito che lo studio è un diritto e non un dovere e che in realtà noi del mondo occidentale abbiamo un grande privilegio che non sempre apprezziamo.
    Tutti i ragazzi del mondo hanno gli stessi diritti indipendentemente dal paese d’ origine!!!

  58. Io sono la prima a vedere la scuola come un obbligo e ogni mattina quando la sveglia suona penso “che pizza! Non ho voglia di andare a scuola” ma la conversazione a scuola mi ha fatto riflettere. Noi, ragazzi fortunati,pensiamo che la scuola sia una perdita di tempo, che ci obblighino ad andarci solo per farci fare qualche cosa, non pensiamo che mentre noi sbuffiamo, dall’ altra parte del mondo ci sono ragazze poco piu grandi di noi che darebbero la vita pur di studiare e di avere un futuro. In particolare la storia di MALALA una ragazza di 16 anni che pur di studiare e di fare sapere al mondo cosa vive in quel posto dove non ha il diritto allo studio ha rischiato la vita. Era sul pulmino della scuola quando è stata gravemente ferita da due proiettili. Un proiettile l’ ha colpita in testa facendola andare in coma. Non molto tempo fa Malala si è svegliata dal coma e ora vive e studia in Inghilterra. Dopo la conversazione fatta in classe chiedo solo una cosa a tutti i ragazzi: prima di sbuffare pensiamo a Malala la ragazza pakistana che ha rischiato la vita per poter andare a scuola…

  59. Secondo me il diritto allo studio è una cosa indispensabile,soprattutto ora che l’Italia è in crisi.Molte volte ci pesa studiare e fare i compiti…ma dobbiamo pensare che se studiamo e ci si impegna in modo o nell’altro ci verrà ricompensata quella che tanti chiamano “fatica”.Il gesto che ha compiuto Malala è un gesto che pochissime ragazze pakistane come lei farebbero ,perchè ha rischiato la vita…ma è solo grazie a lei che ci rendiamo conto di quanto sia importante,per tutti noi,studiare.Alcuni ragazzi pensano che non tutte le materie scolastiche servano,secondo me invece servono tutte alcune di meno e altre di più però servono.Tutto ciò non è un obbligo..ma un diritto e dobbiamo ritenerci fortunati di avere questa possibilità!🙂

  60. Secondo me molti ragazzi e ragazze non hanno voglia di andare a scuola perché pensano che sia una “tortura” e che ci si annoi molto. Ma questo è un diritto che bisogna fare come i nostri genitori vanno a lavorare il nostro dovere a questa età è studiare. Lo studio sarà anche molto utile per il futuro e per avere un buon lavoro.potere studiare è anche una fortuna perché nei paesi più poveri, come in Pakistan, dove vive MALALA questo diritto non è per tutti e soprattutto le donne non possono studiare. Questa ragazza di 16 anni lotta per conquistare il diritto allo studio e per conquistarlo rischia la vita a causa dei talebani che sono pronti ad ucciderla. Mi sono sorpreso dell’azione che ha fatto MALALA che , grazie a questo adesso potrebbe prendere il premio Nobel per la pace ed io sarei d’accordo nel premiarla.

  61. Per me è molto importante andare a scuola perchè si imparano tante cose, si fanno nuove amicizie e si impara a vivere insieme con gli altri rispettando le regole del vivere insieme.
    Malala ha fatto di tutto per far andare a scuola le ragazze pakistane e pur avendo enormi difficoltà legate alla cultura del suo popolo, ci è riuscita ed ha ottenuto il premio Nobel per la pace.
    Tutti noi, che viviamo in ambienti più evoluti dove lo studio è una cosa automatica da fare, dovremmo prendere esempio da lei e imparare a lottare per i nostri diritti.

  62. Secondo me la scuola è una cosa importante, anche perchè noi a volte ci dimentichiamo di questo dovere ma è anche un diritto perchè senza la scuola saremo dei poveri ignoranti… Sono rimasta stupita da Malala che ha lottato per il diritto allo studio e rischiare la vita, perchè io non l’avrei mai fatto.

  63. Secondo me non è giusto che le ragazze in Pakistan non possono andare a scuola solo perché sono femmine e che non possono avere un diritto quello allo studio

    Stefano Loi
    2’C
    05/11/13

  64. Il diritto allo studio secondo me è molto importante, anche se a volte non ho affatto voglia di studiare. Dopo avere detto questa frase, provo vergogna e penso che lo studio sia utile per il mio futuro e soprattutto penso ai poveri bambini di altri paesi che non possono permettersi neanche di imparare a leggere. Quando per la prima ho sentito parlare di Malala ho addirittura scoperto che per studiare alcuni bambini rischiano la vita. Malala è stata veramente coraggiosa e io sono fiera di lei, i Talebani potevano anche risparmiarle quel proiettile in pieno viso.
    Lo consiglio a tutti: studiate così realizzerete i vostri sogni!

  65. Secondo me la scuola è importante anche se molte volte non ce ne rendiamo conto.Se non ci fosse la scuola non potremmo imparare e saremmo dei somari,e secondo me da un lato è bello andare a scuola perchè incontri i tuoi amici e ti diverti.

  66. 3Mmatilde
    i miei genitori mi avevano già parlato della storia di Malala; ho trovato la storia molto interessante e ho apprezzato molto il grande coraggio della ragazza, vista la sua giovane età. Malala è di grande esempio per tutti i giovani europei. Anche se adesso detestiamo la scuola, dobbiamo renderci conto che la cultura è l’unico mezzo efficace per lottare contro l’ignoranza.

  67. Per me la storia di Malala è stata scioccante;sapere che una ragazza che ad occhio e croce ha la mia età muore per il diritto allo studio è una cosa sconvolgente,solo dei mostri potrebbero fare una cosa del genere…uccidere una ragazza solo perché stava lottando per quello che gli piaceva fare,non è giusto.Io ho sempre sostenuto che la scuola non mi insegnasse niente,ma ascoltando la storia di Malala ho capito grazie anche ai miei genitori che la scuola non è solo un obbligo,ma è anche un privilegio e noi almeno,io,lo sto sprecando,perché in altri paesi la scuola non c’è e questa è una cosa bruttissima perché tutti meritano di andare a scuola anche quelli che non possono,perché ripeto la scuola non è solo un dovere ma è anche un privilegio,la scuola ci servirà per il nostro futuro,per il nostro lavoro,per poi un giorno prendere il posto dei nostri genitori e dire ai nostri figli che la scuola non è inutile ma serve per il futuro,per il vostro futuro e un giorno ve ne renderete conto!

  68. Quando abbiamo parlato dell’argomento mi sembrava noioso, ma poi ho capito che siamo fortunati perché non tutti possono andare a scuola come noi.
    Quella ragazza è stata coraggiosa perché dopo che è stata curata ha ripreso a protestare e non è un gesto da tutti per questo a meritato il Nobel per la pace.
    Il diritto allo studio è molto importante sia per noi ragazzi sia per gli adulti perché altrimenti quelli più furbi fregano gli altri anche per una cosa banale come il resto alla cassa.
    Anche se è noioso studiare è una cosa importante

  69. La storia di Malala mi ha fatto riflettere molto sul fatto che noi prendiamo la scuola come un obbligo, invece dovremmo viverla come un regalo che, qualcuno prima di noi, ha lottato per ottenere e lasciarcelo in eredità.
    La scuola oltre ad insegnarci a leggere, scrivere e fare conti ci insegna a ragionare con la nostra testa, a valutare i fatti seguendo la nostra logica ed il nostro cuore.
    Solo dopo aver conosciuto questa storia ho realizzato che in molte parti del mondo ci sono persone che lottano per poter andare a scuola invece che lavorare…e per molti di noi l'”andare a scuola” viene vissuta come un’imposizione.

  70. Il mio parere sulla faccenda è che, nonostante la scuola sia pesante per certi versi e che venga più vista come un obbligo che come un diritto, il diritto allo studio è fondamentale. Spesso al tg si sente parlare di talebani o altre persone che si adoperano per negare questo diritto a qualcun altro in quanto non si rendono conto di quanto sia importante l’istruzione, questa parola che è ormai diventata stereotipo di inutilità. Ma perchè queste persone non se ne rendono conto? Perche’ a loro volta essi non hanno ricevuto un’istruzione. Quest’ultima, secondo me (anche se non vorrei esser frainteso) è un’arma,un’arma da usare contro coloro che si vogliono approfittare di noi perchè si credono superiori. In classe abbiamo parlato di MALALA, la ragazzina pakistana divenuta ormai simbolo di questa lotta e questo ci ha fatto tutti riflettere. In coclusione volevo dire che non c’è più saggia verità di quella che dice : è proprio quando non si ha più niente che si inizia ad apprezzare quel poco che si ha e, ancor più, ciò che si aveva prima!

  71. Secondo me il diritto allo studio e’ fondamentale perche si imparano cose che servono e serviranno nella vita. In classe ne abbiamo parlato e ad alcuni di noi andare a scuola pesa e non poco perche vedono la scuola come un obbligo e non come un opportunita’ .
    Abbiamo parlato anche di Malala, la ragazzina pakistana ,che ha rischiato la morte pur di rivendicare il diritto allo studio delle ragazze pakistane. In oltre e’ candidata al Premio Nobel per la pace. Secondo me dovrebbe essere premiata perche le perone come lei sono da ammirare!!.

  72. mi sono accorto solo dopo la discussione fatta in casse che, come al contrario di molti di noi, molte persone di altri paesi vorrebbero studiare, mentre alcuni di noi a malapena ci provano. credo che Malala abbia fatto bene a lottare per avere il diritto allo studio perchè, è un diritto che dovrebbe aver chiunque.

  73. Andare a scuola è un diritto di tutti. Lo studio, nonostante chi sia abituato lo trova spesso noioso, garantisce un futuro a chiunque. Malala è una ragazza con una forza eccezionale; è coraggiosa e niente l’ha fermata neanche un colpo di pistola. Ha capito che tutte le ragazze Pakistane hanno il diritto di vivere una vita serena, senza avere paura di andare a scuola, di essere scoperte dai talebani e di essere uccise. Malala ha voluto far sapere al mondo le ingiustizie che tutti i giorni le donne devono subire. La storia di Malala fa riflettere sulle molte discriminazioni che ci sono nel mondo. E’ proprio per questo che è candidata al premio Nobel per la pace: è importante informarsi sulle situazioni di realtà diverse dalle nostre.

  74. noi, andare a scuola, lo consideriamo un cosa scontata, non capiamo che questo è un privilegio che molti non hanno. alcuni ragazzi, come per esempio Malala, morirebbero per riuscire ad andare a scuola e studiare. è per questo che bisogna andare a scuola anche se è noiosa. senza lo studio saremmo tutti degli ignoranti, non riusciremmo a parlare e nemmeno a contare. secondo me tutti, dai più ricchi ai più poveri, dovrebbero avere il diritto di andare a scuola.

  75. Secondo me studiare è un diritto fondamentale,anche se noi ragazzi lo vediamo come un obbligo.Lo studio non solo ci aiuta a creare il nostro futuro ma anche a sviluppare le nostre capacità.La storia di Malala mi ha molto colpito perchè vedere una ragazzina di 16 anni lottare e rischiare la vita per studiare non può succedere in Italia. Malala non può studiare in pakistan perchè è una donna e in quei paesi, a differenza nostra ,le donne non hanno diritti e non possono studiare per non sviluppare le loro capacità intellettuali.

  76. Io penso che la scuola debba essere frequentata da qualsiasi bambino o ragazzo, dal primo all’ultimo. Alcuni ragazzi prendono la scuola come un obbligo che viene imposto contro la loro volontà. Ma ci sono ragazzi che, nonostante gli impegni di ogni giorno, si impegnano per imparare e fare della scuola la loro vita. La maggior parte dei ragazzi di oggi “lotta” per non andare a scuola, mentre Malala lotta per avere il DIRITTO allo STUDIO. Questa ragazza di 16 anni ha denunciato il suo problema, e non solo il suo… Ha parlato a nome di tutte le ragazze e i ragazzi che, nei paesi poveri, non possono andare a scuola. Malala ha letteralmente rischiato la vita per proteggere i suoi diritti, infatti le hanno sparato.
    Per questo gesto è stata candidata al premio Nobel per la pace, che ovviamente si merita.
    MALALA. Un esempio per tutti i ragazzi e non solo…

  77. In Italia vediamo la scuola come un obbligo e tendiamo a odiarla, detestarla..invece in altre parti del mondo ci sono persone che hanno voglia di studiare,di imparare, di sapere! Io penso che il diritto allo studio non dev’essere negato a nessuno , e per colpa delle menti primitive e retrograde dei talebani che dettano leggi ingiuste, in Pakistan le bambine non hanno diritto ad andare a scuola! Il mondo deve cambiare, iniziando da noi perché un popolo istruito è meno soggiogabile.

  78. Secondo me tutto quello che la scuola ci insegna e’ molto importante per il nostro futuro,impariamo cose nuove e facciamo delle amicizie.Trovo che Malala abbia fatto un’ ottima scelta,anche se io non avrei mai avuto il coraggio di fare cio’

  79. Tutti gli esseri umani dovrebbero essere liberi e avere gli stessi diritti senza nessuna distinzione. Purtroppo Malala vive in un paese il Pakistan in cui i diritti fondamentali sono negati e dove uomini e donne non hanno le stesse opportunità.
    Questa ragazza ha rischiato la vita per tutelare il diritto allo studio delle donne pakistane, un diritto che per molti di noi è dato per scontato e vissuto come un peso insopportabile.
    Ciò mi ha fatto riflettere e credo che ciascuno di noi abbia il diritto di avere le stesse possibilità di accrescere le proprie conoscenze e di sviluppare personalità e capacità.
    L ‘ istruzione ci permette infatti di salvaguardare la nostra libertà, di provare a realizzare i nostri sogni e di compiere delle scelte consapevoli e responsabili.

  80. Noi ragazzi ci lamentiamo per andare a scuola ma non ci accorgiamo che il diritto allo studio è una cosa fondamentale e irrinunciabile per la nostra crescita e per il futuro nostro e di tutta la società .Ce lo dimostra Malala che lotta ancora adesso per ottenerlo!!!Questa ragazza mi ha fatto riflettere e adesso vedo la scuola sotto un’ altra ottica!!

  81. 3C Rognoni
    in classe abbiamo parlato di una ragazza di nome Malala chè vive in Pakistan che è stata uccisa dai talebani perchè voleva che il diritto allo studio si diffondesse anche alle ragazze secondo me andare a scuola è importante perchè quando saremo grandi ci aiuterà a trovare un lavoro

  82. Sono colpita dal fatto che Malala e altri ragazzi per studiare potevano addirittura essere uccisi,è vero che alcuni di noi non amano la scuola ma è un diritto e un dovere per TUTTI. Studiare è una cosa fondamentale perchè ci serve a realizzare i nostri sogni. Io sono contraria al fatto che le donne in Pakistan non possano fare tutto quello che fanno gli uomini e se fossi una donna pakistana mi ribellerei come a fatto Malala,infatti sono d’accordo con lei. Sono contenta che alcuni si siano accorti che la scuola è utile.CONTINUA COSì MALALA SIAMO CON TE !

  83. Ha scuola noi abbiamo parlato di una ragazza di nome Malala che vive in Pakistan che lotta per ottenere ancora il diritto allo studio. Noi non vogliamo neanche andare a scuola, ma secondo me tutti i bambini e ragazzi debbano andare a scuola non solo per gli amici ma anche non solo per imparare a scrivere e a parlare diverse lingue ma soprattutto per il nostro futuro. Sarei felice se le daranno il premio Nobel per la pace.

  84. secondo me studiare è importante perché è la base dell’economia moderna e se fossi nella situazione di Malala mi batterei anche io perchè tutti dovrebbero avere diritto di studiare e imparare e che per noi sembrerebbe noioso ma poi si rivelerà importante in futuro

    Autori: Manuel Brudaglia,Silvestri Giacomo
    Classe: 2°C

  85. 2c Alice Cappa
    Secondo me tutti dovrebbero poter studiare e la vicenda di Malala ne è la prova.
    Non mi sembra giusto che in certi paesi non ci sia la possibilità dello studio, tutti gli individui maschi o femmine che essi siano dovrebbero avere in egual modo gli stessi diritti cosa che in Pakistan,città dove vive Malala,non è concesso.
    Lo studio serve perchè senza di esso non può esserci un futuro promettente,inquanto senza un pò di istruzione non saremmo in grado di comunicare con gli altri,di scrivere e di conseguenza di esporre le nostre idee e necessità.

  86. E’ proprio vero che senza scuola non c’ è un futuro…
    Proprio per questo Malala lotta, per avere un futuro! e per difendere il diritto allo studio di tutte quelle ragazze a cui è proibito andare a scuola. L’ammiro molto e sono sicura che grazie a lei, molti l’hanno capito. Hanno capito che non si va a scuola per dire “uffa”, “non ci riesco” o “non ho voglia”…. ma perchè è un nostro diritto! Sono felice di averne parlato a scuola, e spero che questo ci aiuti ad andare a scuola più volentieri, rendendoci conto di quanto siamo fortunati. grazie Malala

  87. Per noi ragazzi lo studio è un obbligo e per questo lo viviamo male. Però capisco che con l’istruzione, che dev’essere un diritto di tutti, si ha più possibilitá di realizzare i propri sogni. Mentre, il solo sogno di Malara era quello di poter studiare, ma purtroppo non le è stato permesso. Sono daccordo alla sua nomina al premio Nobel.

  88. In classe una nostra compagna ci ha spiegato la storia di Malala , sono rimasto veramente stupito nel sentire la storia di una giovane ragazza che ha rischiato la vita per diffondere il diritto allo studio in ogni paese . Noi non ci rendiamo conto quanto sia importante avere la possibilità di studiare …. Perché lo studio determina il nostro futuro nel mondo del lavoro. Spero che Malala continui a lottare per i diritti allo studio .

  89. Avere il diritto allo studio per noi è una cosa ovvia,anzi lo vediamo di più come un obbligo.
    Alzarsi presto al mattino,tutte quelle ore tra i banchi,lo studio,le verifiche per tutti sono un peso,la cosa positiva che ognuno vede,è andare a scuola per ritrovarsi con gli amici ma nessuno pensa che senza la scuola non avremmo mai un futuro!?
    Non abbiamo mai pensato di trovarci nelle condizioni di dover lottare per ottenere il diritto di studio,mentre Malala ha dovuto farlo.
    A soli 13 anni è diventata celebre grazie al suo blog nel quale documentava il regime dei talebani pakistani,contrari ai diritti delle donne.
    È la più giovane candidata al premio nobel per la pace,rischiando la sua vita il 9 Ottobre 2012 ferita in testa da due uomini saliti sul pullman della scuola.
    Dovrebbero ammirarla tutti per quello che ha fatto per ottenere l’istruzione che in teoria dovrebbe essere diritto di tutti.
    La scuola è importante anche se è difficile ammetterlo.
    Ognuno di noi dovrebbe pensare quanto è fortunato di vivere in un paese in cui il diritto allo studio è obbligatorio a tutti.

  90. Secondo me studiare è un diritto fondamentale,anche se noi ragazzi lo vediamo come un obbligo.Lo studio non solo ci aiuta a creare il nostro futuro ma anche a sviluppare le nostre capacità.La storia di Malala mi ha molto colpito perchè vedere una ragazzina di 16 anni lottare e rischiare la vita per studiare non può succedere in Italia. Malala non può studiare in pakistan perchè è una donna e in quei paesi, a differenza nostra ,le donne non hanno diritti e non possono studiare per non sviluppare le loro capacità intellettuali

  91. secondo me il diritto allo studio è molto importante anche se noi non ci rendiamo conto ,noi non abbiamo voglia di andare a scuola e neanche tanta voglia di studiare ,però ci sono quelle persone che non hanno questa fortuna ,la possibilità di imparare cose che ci potrebbero servire nel corso della nostra vita .malala è un esempio molto importante lei a soli 16 anni ha rischiato la vita per il diritto allo studio e secondo me non tutti lo farebbero ! quindi è una ragazza da stimare molto

  92. Un po di tempo fa abbiamo parlato con la prof. di questa ragazza di nome Malala proveniente dal pakistan,che ha combattuto contro alcuni uomini che impongono alle donne delle leggi sbagliate, come quella di non poter andare a scuola.
    Malala giustamente non d’accordo su questa legge, combatte contro delle persone disposte anche a uccidere pur di mantenere questo obbligo.
    A noi la cosa può sembrare strana, visto che da noi la scuola viene presa come un obbligo e non come una cosa positiva, e non pensiamo mai che c’è qualcuno come Malala che lotta per questo
    diritto.
    Io personalmente non avrei mai avuto il coraggio di combattere questa legge sapendo che potevo essere ucciso, ma ammiro molto chi ha la determinazione di portare avanti delle battaglie in nome di un giusto ideale.

  93. io penso che lo studio sia un diritto di tutti , che Malala nel gesto che ha fatto ci abbia messo tutta se stessa , lei doveva tenerci davvero allo studio e solo adesso capisco che noi che abbiamo questo diritto e lo consideriamo più come un obbligo che come un diritto e visto che lì questo diritto non c’è avrei reagito come Malala. Anche se per essere sincero non so se avrei avuto lo stesso coraggio che ha avuto Malala soprattutto in quei posti lì.
    Quando abbiamo parlato di Malala che sinceramente non ne avevo mai sentito parlare , ma quando ho sentito la storia di Malala e ho sentito la storia mi sono subito reso conto dell’importanza dello studio e l’impegno che lei ci aveva messo e c’elo continua a mettere nella lotta per lo studio in pakistan.

  94. Il diritto allo studio secondo me spetta a tutti: esso infatti permette di entrare in contatto con il mondo, l’attualità e se stessi. Penso che il diritto all’istruzione sia una cosa fondamentale per la nostra vita. Spesso noi vediamo la scuola e lo studio come una sfida faticosa, ma Malala non vede questa situazione come una sfida, bensì lo vive come una parte della propria vista molto importante per la quale vale la pena di lottare, infatti la ragazza pakistana ha messo in gioco la propria vita per diffondere questo diritto. Questo dovrebbe suscitare in noi, che abbiamo il diritto allo studio, la consapevolezza di tenercelo stretto, perché c’è altra gente che lotta per la cultura. Lorenzo Crivellari, 3°C.

  95. Per me Malala ha fatto bene a proteggere e difendere il suo diritto allo studio e quello delle ragazze nella sua stessa condizione. Secondo me non è giusto che le ragazze non abbiamo la possibilità di accedere allo studio, perché ogni persona, ogni essere umano, deve essere istruito al meglio.
    Per molti ragazzi che a scuola ci possono andare senza problemi e senza rischiare la vita, lo studio è una cosa noiosa, però poi ti può dare delle soddisfazioni, ma questo non sempre viene subito capito. Noi che abbiamo la possibilità di studiare, dobbiamo ritenerci fortunati perché senza lo studio non si può fare niente nella vita. Senza studio non c’è un futuro per noi e per gli altri. Studiare è molto importante perché scopri delle cosce affascinanti che poi ti possono aiutare nella vita. Non dimentichiamocelo.

  96. Anche secondo me il diritto allo studio è molto importante anche se non ci piace studiare, ma questa ragazza ci ha fatto capire che è importante studiare e seguire i propri sogni e anche per me spero che vincerà il premio nobel auguri Malala continua a lottare per il tuo paese.

  97. tre settimane fa, in classe, abbiamo parlato di MALALA YOUSUFZAI, una sedicenne pakistana che ha lotta to e lotta ancora oggi per i diritti di istruzione delle donne mettendo in gioco la propria vita.
    noi italiani siamo molto fortunati se possiamo andare a scuola con anche delle ragazze e non lottare per farle andare.
    Io ammiro molto il gesto di Malala, ma i i pakistani credono che sia un crimine “osceno” e così un giorno un uomo le ha sparato alla testa e lei è finita in ospedale ma non era grave ed è sopravvissuta e ha continuato a lottare.
    Per questo le hanno conferito il Premio Nobel per la pace.
    Credo che noi dovremmo prendere il gesto di Malala un esempio da seguire !!!!!

  98. La settimana scorsa in classe abbiamo discusso della situazione della ragazze pakistane, e in particolare di Malala, che non hanno il diritto allo studio. Dalla discussione é risultato che il motivo per il quale la maggior parte della classe é felice di andare a scuola é quello di poter incontrare i propri amici. Io invece penso che bisognerebbe andare a scuola per apprendere ed assicurarsi un futuro migliore. Secondo me anche Malala fa fatica a studiare, ma la sente meno perché pensa che andare a scuola la renderà una persona migliore. Inoltre, secondo me, noi che abbiamo il diritto allo studio sentiamo che andare a scuola sia più un dovere che un piacere, ma se fossimo nella condizione di Malala magari cambieremmo idea e ci batteremmo anche noi per poter avere questo diritto. Spero che Malala riceva il premio nobel per la pace perché, non solo ha combattuto per avere un’istruzione, ma ha anche rischiato la sua vita per poterla dare alle altre ragazze che si trovano nella sua stessa condizione.

  99. Vediamo la scuola come un obbligo imposto a noi ma non sappiamo che è da li che dipende il nostro futuro e dobbiamo sentirci fortunati nell’avere questa possibilità che non tutti hanno, Malala è una ragazza che ha combattuto e sofferto per i diritti allo studio infatti l’istruzione ci permette di crearci un futuro, Spero che Malala continui a lottare come ha fatto fino ad ora

  100. La storia di questa ragazza mi ha colpito moltissimo perché faccio fatica ad immaginare che una ragazza di soli 14 anni desideri così tanto studiare, a tal punto da rischiare la sua vita, mentre, un ragazzo come me rinuncerebbe molto volentieri al diritto allo studio. Questa storia mi ha fatto capire che in alcuni paesi del mondo uomini e donne non hanno gli stessi diritti e per me questa cosa é incomprensibile visto che nel nostro paese la legge è uguale per tutti. Malala era una ragazza molto sicura e determinata, ma mi chiedo se il suo sacrificio è servito a qualcosa???

  101. secondo me il diritto allo studio è molto importante ! sono cose che ci serviranno nel nostro futuro ! magari adesso a noi non ci importa ,è pur vero che non abbiamo voglia di studiare e di non andare a scuola però è un diritto sia per noi che per tutti ! dovrebbero avere tutti questa fortuna del diritto allo studio ….malala è stata molto coraggiosa a rischiar ela sua vita per il diritto allo studio ! ed è una cosa che nessuno di noi farebbe secondo me

  102. Mi ha colpito il fatto,che Malala lotta per il diritto allo studio;mentre noi non ci accorgiamo di avere questo diritto tanto prezioso

  103. Dopo aver conosciuto la storia di Malala, la ragazza pakistana che fu privata del diritto allo studio, mi sono resa conto dell’ importanza che esso ha per ognuno di noi. Andando a scuola oltre a imparare cose che arricchiscono la nostra cultura, noi iniziamo a rapportarci con le persone e quindi oltre che ricevere norme di educazione e di buona condotta insegnate dai professori, senza rendercene conto, intrapendiamo anche un’ educazione all’affetto (amicizia).
    Per quanto riguarda il diritto allo studio penso che nessuno debba essere privato di questo privilegio, tutti hanno diritto a sapere e a conoscere.
    Secondo l’ articolo 34 della costituzione italiana: la scuola é aperta a tutti, l’ istruzione inferiore é obbligatoria e gratuita.
    Inoltre l’ articolo afferma che chiunque, anche se privo di mezzi, ha diritto a raggiungere i gradi più alti di studio. Io penso che questa legge dovrebbe essere presa in considerazione in tutte le parti del mondo, in modo da non dover più sentir parlare di episodi come quello di malala, che per ottenere il semplice diritto di studiare e conoscere ha rischiato quasi di perdere la vita. É veramente strano pensare come al giorno d’ oggi noi studenti vediamo la scuola come uno specie di obbligo, mentre in altre parti del mondo lottano per ottenere questo diritto. Concludo dicendo che gli studenti, io compresa, molte volte non sanno apprezzare questo vantaggio che ci è stato concesso.

  104. Molti pensano che la scuola sia solo un obbligo imposto dai grandi,che non serve a niente,insomma,le solite cose.
    Anchi’io pensavo cosi’ fino a quando qualche giorno fa la nostra prof. ci ha messo a conoscenza di Malala,la ragazza pakistana,che ha combattuto per assicurare quotidianamente l’istruzione a tutti i ragazzi pakistani .
    Ecco, questa cosa mi ha fatto riflettere:è incredibile che c’è una ragazza che lotta per cio’ che noi vediamo come obbligo o comumque come una seccatura.
    Insomma,se noi la scuola non la vivessimo come obbligo,ma fossimo costretti anche a rischiare la vita per ottenerla,come malala,cambierebbero le cose?
    Cambierebbero i nostri modi di pensare riguardo alla scuola ?
    IO CREDO PROPRIO DI SI’!!!!

  105. 3Mvale
    quando, a scuola, abbiamo parlato di questa ragazza pakistana, Malala, che lotta tutti i giorni contro il divieto di avere un’istruzione scolastica che le viene imposto, mi sono resa conto della fortuna che noi abbiamo. Per noi la scuola è un diritto, anche se la vediamo più come un obbligo, fornitoci dallo stato per darci una possibilità nel campo del lavoro.
    Penso che Malala debba continuare a lottare per avere questo diritto e che riesca a vincere il Premio Nobel per la Pace.
    Non ci sono parole per descrivere quello che questa ragazza fa tutti i giorni.
    Ho un’unica parola da dirgli BRAVA perché ha avuto il coraggio di ribellarsi, di andare contro tutti per seguire i suoi ideali e sogni.

  106. Secondo me il diritto allo studio dovrebbe essere riservato a TUTTI senza distinzioni sulla razza,sulla religione o semplicemente sul sesso. Sono profondamente colpita dalla forza di questa ragazza che nonostante la giovane età abbia messo in rischio la sua vita per andare a scuola. E poi con i tempi che corrono avere un’istruzione è fondamentale per avere un lavoro e una cultura personale soddisfacenti. MALALA SIAMO TUTTI CON TE!

  107. cn la prof abbiamo parlato di malala e mi sono stupita che una ragazza come noi ha lottato per andare a scuola e questo mi ha fatto pensare a tutte quelle volte che dico che schifo la scuola e questo dovrebbe fare ragionare altri ragazzzi e ragazzze come me ,

  108. Secondo me questa cosa è una vergogna e pensare che noi ci lamentiamo tanto perché la scuola è pesante o troppo faticosa … Pensare che una ragazza di 16 anni si batta per questo diritto è molto bello però è triste pensare che nel terzo millennio ci siano ancora queste situazioni

  109. Alberto Matacera 2.C

    La storia molto triste di Malala mi ha fatto capire che lo studio in paesi più sviluppati e civilizzati come il nostro, a differenza del suo, è percepito da noi studenti come un obbligo, come un peso e non ci rendiamo conto di quanto siamo fortunati ad avere la possibilità di un’ istruzione obbligatoria e gratuita. Per il contrario, Malala non ha potuto avere niente di tutto questo e ha voluto lottare per poter andare a scuola rischiando perfino la vita. E’ stata molto coraggiosa!

  110. Troppo spesso noi ragazzi consideriamo la scuola un obbligo.Poi succedono fatti come quello che ha coinvolto Malala una ragazza pakistana. Solo di fronte a tanto coraggio ci si rende conto che questo dovere è invece un diritto e che dovremmo essere grati di poter avere un istruzione che in molti paesi del mondo è addirittura negata.
    Assegnarle il premio Nobel per la pace sarebbe come far parlare tutti i ragazzi con il suo stesso problema

  111. Secondo me il diritto allo studio serve perchè permette a tutti di poter imparare.
    Anche se ci sono alcuni ragazzi a cui non piace andare a scuola e imparare ma
    dopo guardi sul giornale e intelevisione questi ragazzi che per studiare si fanno
    quasi uccidere .E capisco quanto siamo fortunati noi, che possiamo andare a
    scuola senza problemi.

  112. 2C Mattia Io sono un ragazzo a cui non piace studiare, ma so che in altri paesi non è così . A scuola abbiamo parlato del diritto allo studio, che noi diamo per scontato, c ‘ e chi invece deve lottare per poter andare a scuola . Anche se per me è faticoso studiare so che mi aiuterà a capire e comprendere ciò che mi circonda. Il diritto allo studio dovrebbe essere garantito a tutti i ragazzi in tutti i paesi del mondo.

  113. in questi giorni a scuola abbiamo parlato di questa ragazza che a solo 16 anni ha la possibilita’ di vincere il premio nobel per la pace….fino a quache giorno fa non ne sapevo niente di MALALA ….questa incredibile ragazza pakistana ….che ha lottato per i suoi diritti…soprattutto quindi per andare a scuola … per studiare imparare a legge e a scrivere!! questa cosa mi ha lasciata sbalordita perche’ ci..sono proprio pochissime persone che alla sua eta’ hanno cosi tanta voglia di imparare argomenti nuovi !! A scuola la prof ci ha pure detto che ha pure rischiato la vita per far valere il suo diritto che in realta’ e’ anche un nostro diritto solo che noi lo prendiamo solo come un dovere e una scocciatura ..soprattutto perche’ al mattino vorremmo restare a dormire..o anche perche’ nei pomeriggi in cui…magari vorremmo uscire..non possiamo per i troppi compiti o le troppe pagine da studiare o ripassare.. di tutte le materie….ci pesa anche solo magari stare in classe zitti e attenti per 6ore consecutive….pero’ se ci ripensiamo a quei bambini o ragazze povere che non possono permettersi non solo delle basi di studio ma anche non possono neanche mangiare e devono lavorare sin da piccoli per guadagnare solo qualcosa per sopravvivere e si affaticano tutto il giorno…. mentre noi dovremmo metterci solo un po’ piu’ di ipegno e studiare ….!! Malala e’ una ragazza veramente coraggiosa …io la ammiro moltissimo…!!Spero proprio che vinca il premio Nobel per la pace anche perche’ lei e’ molto giovane e non so se anche solo uno di noi avrebbe avuto almeno la meta’ del suo coraggio e se avrebbe fatto la stessa cosa !!!!!! io sinceramente non ne sarei stata capace pero’… l ‘ avrei aiutata nel suo intento!!

  114. Giorni fa in classe abbiamo parlato di MALALA YOUSAFZAI una ragazza pakistana di 16 anni.
    Nel suo paese purtroppo le è stato proibito di andare a scuola,allora lei ha fatto di tutto per difendere il suo diritto.
    Noi dobbiamo ritenerci molto fortunati anche se qualche volta non abbiamo voglia di andarci o di alzarci così presto la mattina, dovremmo pensare alla scuola più come un diritto che a un dovere.
    Ma sopratutto quando la prof ha raccontato che MALALA è stata ferita da un’arma da fuoco di un signore salito sullo scuola bus ho capito che voleva davvero difendere il suo diritto anzi il diritto allo studio di tutte le donne pakistane.
    Credo che tutti noi dobbiamo prendere MALALA come un esempio da seguire

  115. 3°C Lorenzo Crivellari
    Il diritto allo studio secondo me spetta a tutti: esso infatti permette di entrare in contatto con il mondo, l’attualità e se stessi. Penso che il diritto all’istruzione sia una cosa fondamentale per la nostra vita. Spesso noi vediamo la scuola e lo studio come una sfida faticosa, ma Malala non vede questa situazione come una sfida, bensì lo vive come una parte della propria vita molto importante per la quale vale la pena di lottare, infatti la ragazza pakistana ha messo in gioco la propria vita per diffondere questo diritto. Questo dovrebbe suscitare in noi, che abbiamo il diritto allo studio, la consapevolezza di tenercelo stretto, perché c’è altra gente che lotta per la cultura.

  116. secondo me il diritto allo studio è una cosa molto preziosa per noi..anche se non ce ne accorgiamo…anche se ci lamentiamo di alzarsi presto la mattina dovremmo essere fieri perchè malala fa di tutto per avere un’ istruzione..sono molto colpita da questa ragazza perchè ha messo a rischio la sua vita per andare a scuola…

  117. Penso che lo studio,anche se noi ci lamentiamo tanto, sia una cosa molto importante e che ci servirà in futuro…Malala, secondo me, è stata molto coraggiosa a mettere in rischio la propia vita per il diritto allo studio delle donne…Noi dovremmo seguire il suo esempio e pensare alle persone che non sono ancora riuscite ad avere il diritto di conoscenza, in Italia e nel mondo!
    Noi siamo molto fortunati in confronto a queste persone, anche se a volte non siamo consapevoli di questa opportunità!

  118. sono rimasta molto colpita dalla storia di malala di sicuro è da ammirare per il coraggio dimostrato. è bello sapere che ci sono persone che lottano per ottenere ciò in cui credono.

  119. malala e stata e sara sempre una ragazzza meravigliosa e che per studiare ha rischiato di MORIRE !!!!!!!!!! io sono sbalordita …….. lei ha un copraggio io non avrei mai fatto una cosa simile , grazie prof.🙂

  120. Devo ammettere che anche io a volte vivo la scuola come un peso. Credo sia un errore vivere in questo modo il percorso di istruzione e trovo sbagliato anche che sia necessaria la lettura di un articolo per rendermene conto. Ma il mondo nel quale stiamo crescendo ci porta ad avere questo atteggiamento: chi apprezza la scuola è percepito dagli altri come un diverso. È più “figo” chi se ne frega di chi invece capisce il valore di una buona istruzione. É una fortuna che nel nostro paese sia posaibile averne una. E forse dovremmo apprezzarla di più senza preoccuparci di sembrare poco cool.

  121. DELLA SCUOLA NOI PENSIAMO SEMPRE CHE SIA UNA NOIA MA DOVREMMO INCOMINCIARE A PRENDERLA SUL SERIO PERCHE MALALA SIE QUASI FATTA UCCIDERE PER STUDIARE

  122. Secondo me malala fa bene a lottare per la scuola io l’ammetto a me la scuola non mi piace pero senza ci sarrebbe un mondo di stupidi voglio solo dire questo malala continua cosi SEI GRANDE CIAO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...